Yoga Alliance® Italia

Yoga Alliance ®

Codice Deontologico per Insegnanti Yoga

Codice Deontologico per Insegnanti Yoga

I termini "noi" o "nostra" qui riportati si riferiscono a Yoga Alliance® e Yoga Alliance International®.


Lo Yoga è di tutti, lo Yoga è per tutti
Ultima modifica 16.7.2018
  1. Questo codice deontologico identifica i principi etici e comportamentali, in affermazione e negazione, che ispirano e delimitano la professione.

  2. Le regole del presente Codice Deontologico sono vincolanti per tutti gli iscritti nel Registro degli Insegnanti di Yoga Alliance® e  Yoga Alliance International®. Gli insegnanti sono tenuti a conoscerle e ad applicarle e l’ignoranza delle medesime non esime dalla responsabilità disciplinare.

  3. Il Codice Deontologico è una dichiarazione che fornisce chiarezza e guida sul comportamento etico e su come le entita’ aderenti al Codice devono comportarsi in ogni momento.

  4. Il Codice comprende una serie di principi applicabili al coinvolgimento dei soci di Yoga Alliance® (Italia/International) e Yoga Alliance International® con il pubblico (consumatori), gli student di yoga, i dipendenti, i colleghi e altri professionisti.

  5. L'inosservanza dei precetti stabiliti nel presente Codice deontologico ed ogni azione od omissione comunque contrarie al decoro, alla dignità ed al corretto esercizio della disciplina, risulteranno nella esclusione permanente del socio dai Registri Yoga Alliance Yoga Alliance® (Italia/International) e Yoga Alliance International®. Le stesse regole si applicano anche nei casi in cui le prestazioni, o parti di esse, vengano effettuate a distanza, via Internet o con qualunque altro mezzo elettronico e/o telematico.

  6. Yoga Alliance® (Italia/International) e Yoga Alliance International® sono organizzazioni responsabili della promozione di Standard Professionali per lo yoga in Italia e nel resto del mondo. Collaboriamo a stretto contatto con altre organizzazioni riconosciute a livello internazionale per sviluppare iniziative di autoregolamentazione. Sviluppiamo politiche e linee guida e promuoviamo dibattiti e cambiamenti per migliorare continuamente gli standard professionali e la condotta per insegnanti di yoga e scuole di yoga. I soci di Yoga Alliance® (Italia/International) e Yoga Alliance International® devono mantenere elevati standard di condotta professionale e competenza in ogni momento, in quanto mantenere elevati standard di condotta professionale e’ la migliori pratica acettata nel mondo.

Obbligatorieta’ Formazione Professionale Continua

Articolo 1. L’insegnante si impegna a mantenere un aggiornamento professionale adeguato e attraverso attività di studio e insegnamento, nei tempi e nei modi definiti dal regolamento di Yoga Alliance® (Italia/International) e Yoga Alliance International® relativo a formazione continua, aggiornamento, la cui mancata ottemperanza, o falsa dichiarazione, determina l’eventuale esclusione permanente dal Registro degli insegnanti di Yoga Alliance® (Italia/International) e Yoga Alliance International®.

Rapporti con gli Studenti (Consumatori)

Articolo 1.Nell’esercizio della sua funzione l’inegnante rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione e all’autonomia dello studente; non fa discriminazioni sulla base di differenze di estrazione sociale e di stato socio economico, di orientamento sessuale, religioso, politico, razziale e di diversa abilità.

Articolo. 2 L’insegnante si astiene dall’imporre il suo sistema di valori e si rifiuta di collaborare con iniziative che a suo avviso sono lesive di tali principi. L’insegante e’ onesto e premuroso con tutti gli studenti e rispetta le abitudini, le pratiche e le ragionevoli ambizioni degli studenti.

Articolo 3. Nelle attività di insegnamento classi yoga o corsi di formazione l’insegnante è tenuto a chiedere allo studente/partecipante il consenso all’uso professionale dei dati raccolti, rispettandone comunque il diritto alla riservatezza, alla non riconoscibilità ed all’anonimato. In caso di minori il consenso è richiesto anche ai genitori o a chi ne fa le veci.

Articolo 4. All’inizio di ogni rapporto professionale l’insegnante fornisce adeguate informazioni circa le sue prestazioni, finalità e modalità di attuazione e le condizioni di riservatezza; rispetta le idee religiose, morali e sociali dello studente e non impone le sue convinzioni.

Articolo 5. Le disposizioni finanziarie tra l’insegnante e studenti yoga così come tutti i contesti contrattuali, sono presentati precedentemente all’inizio delle attività e sono stabiliti in modo onesto e professionale.

Articolo 6. L’insegnante non percepisce nessun compenso per l’invio di studenti ad altri insegnanti o associazioni.

Articolo 7. In tutti i contesti didattici l’insegnante adotta procedure professionali che proteggono gli studenti, utilizzando le loro conoscenze per il loro benessere, astenendosi dall’iniziare o proseguire qualsiasi attività ove problemi personali interferiscano con esse rendendole inadeguate o lesive.

Articolo 8. L’insegnante accoglie nei contesti che guida chiunque lo richieda; in caso non sia disposto o non si senta in grado, per giustificati motivi, l’insegnante. si adopera perché lo studente possa continuare il suo percorso didattico con un altro insegnante o comunque con un altro professionista idoneo.

Articolo 9. Seguire una metodica e una prassi che metta al primo posto il rispetto della salute, dell’integrità e del benessere fisico, psicologico e spirituale degli allievi che a lei (lui) si affidano.

Articolo 10. Lo yoga è di tutti, lo yoga è per tutti. In onore a questo principio l’insegnante di yoga, in presenza di soggetti che presentino limiti o problematiche della più svariata natura, attuerà una politica includente e non escludente, essendo al tempo stesso accorto a non invadere altri spazi professionali.

Articolo 11. L’insegnante trasmette esclusivamente ciò di cui ha sufficiente esperienza.

Articolo 12. L’insegnante deve sviluppare una relazione professionale con gli studenti (in particolare bambini e giovani), basata su apertura, onestà, fiducia reciproca e rispetto. Gli insegnanti non devono esercitare influenza per ottenere benefici o premi personali.

Articolo 13. L’insegnante promuove sempre gli aspetti positivi dello yoga (ad esempio, la non competitività) e non condona mai le violazioni delle regole come il bullismo.

Articolo 14. L’insegnante si sforza di costruire la connessione studentesca con gli insegnamenti piuttosto che con una personalità. L'insegnante non si considera mai un "guru" e non inizia nessuno come discepolo.

Articolo 15.L’insegnante e’ onesto e premuroso con tutti gli student, rispetta le abitudini, le pratiche e le ragionevoli ambizioni degli student e garantisce che le attività svolte e/o consigliate siano appropriate per l'età, la maturità, l'esperienza e la capacità dell'individuo.

Articolo 16. In nessun caso dovra’ dare spazio alla competitività e all’esibizionismo.

Rapporti con i Colleghi

Articolo 1. Gli insegnanti yoga si ispirano al principio del rispetto, della lealtà, del sostegno e della collaborazione reciproci.

Articolo 2. L’insegnante si astiene dal formulare pubblicamente su colleghi giudizi negativi relativamente alla loro formazione, operato e competenze. Costituisce fatto aggravante se tale condotta ha la finalità di sottrarre clienti ai colleghi.

Articolo 3. L’insegnante nell’esercizio dell’attività professionale e nelle sue rappresentazioni pubbliche è tenuto a mantenere una condotta che si ispira ai principi della dignità, della consapevolezza e dell’attribuzione di valore ad ogni manifestazione della vita .

Osservanza delle Leggi

Articolo 1. L’ insegnante deve fornire servizi in conformità con i requisiti degli enti normativi competenti.

Articolo 2. L’insegnante deve condurre l’amminsitrazione fiscale tenendo debitamente conto delle procedure contabili riconosciute.

Articolo 3. L’ insegnante deve essere in possesso dell'adeguata copertura assicurativa di responsabilità civile e indennità professionale.

 


© 2011-2018 Yoga Alliance® Italia - Tutti i Diritti Riservati Privacy Policy Copyright