La meditazione è opera del diavolo?

Per alcuni, l’idea della meditazione ha connotazioni negative, specialmente quelle inclini alla fede religiosa. Come la pratica dello yoga, la meditazione è vista come una pratica alternativa “pagana” che non è congruente con una vita devota a Dio.

La pratica della consapevolezza (mindfulness), comunque, ha connotazioni scientifiche e rievoca l’idea di una pratica innocua quotidiana simile all’esercizio o al mangiare sano. Quindi, qual è la differenza tra meditazione e consapevolezza? Sono intercambiabili?

Prima di tutto, analizziamo la mindfulness e la meditazione separatamente. Che cos’è la mindfulness? “La definizione più facile di mindfulness è semplicemente avere la tua mente nel momento presente,”

“essere consapevole dei tuoi cinque sensi e di ciò che sta succedendo intorno a te proprio qui e ora ed essere anche consapevoli dei pensieri che si formano nella tua mente, cosa che è ancora più importante.”

Un’altra via per capire la mindfulness è di guardare il suo opposto, che è la distrazione. Essere completamente distratti è pensare a cose che non stanno succedendo in questo momento. Essere preoccupati di cose che avverranno in futuro; essere depressi per cose che sono successe nel passato; o rielaborare eventi stressanti del passato. La mindfulness è l’opposto di questo.

La mindfulness è una qualità e uno stato mentale. Apporta concentrazione e calma nella tua vita e nella tua mente. Essere concentrati e calmi genera altre qualità come la creatività e l’empatia, che a loro volta apportano altre qualità come la compassione e la sincerità. La consapevolezza chiaramente non può essere cattiva.

Di fatto, la mindfulness è un’ottima qualità della mente da avere. E può essere nutrita con una pratica regolare, come un muscolo mentale. Potenziamo i muscoli nel nostro corpo per avere un corpo sano. Se pratichi la mindfulness regolarmente avrai una mente sana. Questo ti donerà maggior controllo sulle tue emozioni e una regolazione sui pensieri che compaiono. Questo a sua volta modificherà il tuo comportamento.

Vediamo la meditazione e come si mette in relazione. Se la mindfulness è una qualità, come possiamo sviluppare questo “muscolo” della mente?

Il miglior modo per farlo è attraverso la pratica conosciuta come meditazione. La meditazione è semplicemente lo star seduti in silenzio e concentrarsi sul momento presente. Quando la mente si distrae, riconosciamo la distrazione e riportiamo la mente al momento presente. Questa ripetizione è l’esercizio che rafforza il “muscolo” mentale. Questa non è sicuramente opera del diavolo.

Quando le persone parlano di meditazione come un aprirci al male, spesso danno la motivazione che “se svuoti la tua mente, allora fai spazio al diavolo per entrare”.

Questo è privo di senso. La meditazione non è svuotare la mente. Provaci – puoi farlo – nessuno può svuotare completamente la propria mente. Ci sono sempre pensieri che si formano nella mente a un livello conscio e ancora di più a un livello inconscio.

Quindi la meditazione è concentrare la mente in un oggetto nel momento presente. Potrebbe essere qualsiasi oggetto nel momento presente: il tuo respiro, una candela, i tuoi passi o lavare i piatti.

Quando la scomponi in quella semplice definizione, è molto chiaro che la consapevolezza è una qualità da far insorgere. Per migliaia di anni la gente ha sviluppato questa pratica che è il modo più potente per accrescere la consapevolezza.

Un altro motivo per cui la gente pensa che la meditazione sia opera del diavolo è che la meditazione fa in modo di farci sentire che non abbiamo bisogno di Dio. Si dice che l’originale angelo caduto Lucifero fu espulso dal paradiso perché non gli serviva più Dio.

La meditazione profonda crea una sensazione di connessione e non di separazione. Quindi le persone che sono in grado di ridurre lo stress e l’ansia diventano più compassionevoli e gentili – non meno. Questo è certamente un segno che la meditazione è una cosa buona per noi e non cattiva, in nessun modo.

“Se incontri persone nella società che si preoccupano quando sentono che pratichi la meditazione, che stai cedendo al diavolo o che ti stai aprendo agli spiriti, parla della differenza tra mindfulness e meditazione per aiutarti a spiegare cos’è quello che fai e perché non c’è niente di cui aver paura.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *